carlo

Carlo Centemeri, milanese, si occupa di musica a tutto tondo: la studia, la fa, la organizza e la promuove. Ha studiato organo, pianoforte e direzione d’orchestra e nei ritagli di tempo si è laureato in ingegneria elettronica.

Dal 2000 si è occupato attivamente di ricerca sul mondo musicale barocco e preclassico, riportando in repertorio molte opere rare o inedite.

Ha eseguito e registrato in prima mondiale svariate composizioni da lui riscoperte. I volumi da lui curati sono editi, tra gli altri, da Edizioni Carrara (Bergamo) e Edition Walhall (Magdeburg)

Dal 1991 svolge attività concertistica in Italia e all’estero come solista (organo e clavicembalo) e in duo.

Ha fondato nel 2005 l’ensemble StilModerno, il primo gruppo italiano a proporre sulla scena internazionale esecuzioni di repertorio barocco che coniugassero prassi originale e filologia con l’uso degli strumenti moderni.

Dal 2014 lavora anche con Astrarium Consort, formazione specializzata nell’esecuzione su strumenti originali dedita esclusivamente alla riproposizione di repertorio barocco inedito in epoca moderna.

Inoltre collabora con formazioni quali Dona Nobis, Il Diletto Moderno, LaVerdi, Ensemble Magnificat, Digter e Zero Emission Baroque Orchestra.

Le sue esecuzioni sono state trasmesse, tra gli altri, da RAI, ORF (Austria), WDR (Germania), BBC (Inghilterra), ABC (Australia).

Ha pubblicato svariati CD con Concerto Musicmedia e Brilliant Classics, regolarmente segnalati da riviste europee ed americane come Disco del mese.

E’ stato organista titolare presso  Santa Maria al Paradiso (1993-2005) e il Santuario di San Giuseppe (1998-2005); dal 2005 al 2007 è stato direttore del coro di Santa Maria del Suffragio. Dal 2007 è titolare dello storico organo di Pietro Bernasconi (1884) presso la basilica di San Lorenzo in Milano, incarico tutt’ora ricoperto.

Insegna fondamenti di informatica presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra di Milano.

Dal 2005 si occupa di recensioni discografiche per le riviste Classic CD ed Audiophile Sound.

Dal 2016 conduce una rubrica di guida all’ascolto della musica classica su Radio Marconi.